GlobalGAP

Le radici dello schema di certificazione GlobalGAP affondano in un’iniziativa dei rivenditori appartenenti al gruppo di lavoro Produce Euro-Retailer nel 1997. In considerazione delle crescenti preoccupazioni da parte dei consumatori per quanto riguarda la sicurezza dei prodotti, l’impatto ambientale e la salute, la sicurezza e il benessere dei lavoratori e degli animali inducono i dettaglianti inglesi che collaborano con i supermercati dell’Europa continentale ad armonizzare i propri standard e le proprie procedure per sviluppare un sistema di certificazione indipendente relativo alle buone pratiche agricole (Good Agricultural Practices – G.A.P.).

Le norme EUREPGAP hanno aiutato i produttori a rispettare criteri accettati in tutta Europa inerenti sicurezza alimentare, metodi di produzione sostenibili, benessere degli operatori e uso responsabile dell’acqua, dei mangimi composti e dei materiali di propagazione delle piante.

In dieci anni il processo si è diffuso in tutto il continente e oltre. Su effetto della crescente globalizzazione, un numero sempre maggiore di produttori e rivenditori hanno aderito a tali norme. Per riflettere sia la sua portata globale sia il suo obiettivo di diventare lo standard di riferimento per le buone pratiche agricole, nel 2007 EUREPGAP ha cambiato il suo nome in GLOBALG.A.P.
Oggi GLOBALG.A.P. rappresenta il principale schema di certificazione a garanzia della produzione agricola nel mondo, in grado di tradurre le esigenze dei consumatori in più di 125 paesi in buone pratiche agricole.

Made in Quality è un soggetto accreditato Accredia

PRD N° 258B Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements

Approfondimenti:
Sito GlobalGAP: https://www.globalgap.org/uk_en/

Punti chiave di una certificazione riguardano:

la sicurezza alimentare
dei prodotti agricoli

metodi di produzione
sostenibili

la sicurezza del lavoratore e il
benessere degli animali

la tracciabilità documentata dei
prodotti

l’uso responsabile delle risorse
per il rispetto dell’ambiente

Perchè certificarsi


Nelle attuali condizioni di mercato, si avverte da parte dei venditori al dettaglio la necessità di poter contare su standard produttivi che garantiscano che i prodotti che arrivano sulle nostre tavole derivino da un’agricoltura che tiene in massima considerazione i principi di salute, sicurezza e sostenibilità. GLOBALG.A.P. è considerato lo standard di assoluto riferimento, in Europa e nel mondo, per dimostrare che tali principi sono garantiti a livello di produttore primario. Il rispetto dei punti di controllo e dei criteri di conformità significa proprio questo: i produttori possono vendere i loro prodotti sia a livello locale che globale. La certificazione GLOBALG.A.P. offre quindi ai produttori un biglietto per il mercato globale. Lo standard è disponibile per 3 ambiti di produzione: colture, allevamento e acquacoltura.


Cinque i vantaggi principali per chi decide di certificarsi:

1.

Dare valore ai prodotti

Dare un valore aggiunto ai propri prodotti rispettando uno standard riconosciuto a livello globale.

2.

Nuovi clienti

Avere accesso a nuovi clienti, mercati, fornitori e rivenditori al dettaglio locali e internazionali.

3.

Sicurezza alimentare

Ridurre i rischi in materia di sicurezza alimentare e in questo modo preservare la propria reputazione nei confronti dei clienti grazie ad una specifica gestione delle procedure legate a manipolazione e tracciabilità del prodotto.

4.

Migliore efficienza

Migliorare l'efficienza dei processi produttivi e la gestione dell'azienda nel suo complesso.

5.

Tracciabilità

Poter ottenere una precisa identificazione e tracciabilità a livello B2B (business to business) grazie ad un codice univoco (GGN) assegnato all’azienda e consultabile dagli operatori interessati.

Come certificarsi

1.

Presentazione della domanda

Chiunque voglia avviare un iter di certificazione deve far pervenire al "Responsabile Processo Gestione Contratti" la Domanda di Certificazione relativa allo schema prescelto e la "Informativa relativa all’attività di trattamento dei dati".

2.

Formulazione ed accettazione offerta economica

La Domanda di Certificazione è esaminata e validata da Made in Quality che invia all’Azienda un’offerta economica. Tale offerta, datata, timbrata e firmata dal Legale Rappresentante per accettazione, deve essere restituita a Made in Quality.

3.

Firma del contratto e trasmissione documenti

Il Cliente riceve il Contratto di certificazione e sublicenza e la fattura di acconto, quindi deve ritrasmettere a Made in Quality:

  1. una copia del Contratto di certificazione e sublicenza
  2. la clausola di accettazione del Regolamento per la concessione della certificazione entrambi datati, timbrati e firmati in originale dal Legale Rappresentante oltre a:
    1. una copia della visura camerale non antecedente agli ultimi 6 mesi;
    2. quietanza di pagamento della fattura di acconto.

4.

Visita ispettiva ed emissione del certificato

Ricevuta e validata la documentazione, Made in Quality concorda la data della visita ispettiva con l’Azienda. In caso di esito positivo dell’iter di certificazione e a seguito del pagamento della fattura a saldo, l’azienda riceve il Certificato.

Modalità di invio della documentazione

La documentazione deve essere fatta pervenire a Made in Quality attraverso una delle seguenti modalità:
1) email (secondo quanto specificato nel Regolamento per la concessione della certificazione);
2) posta (ordinaria o Raccomandata AR secondo quanto specificato nel Regolamento per la concessione della certificazione);
3) consegna a mano.

Per tutte le informazioni, i dettagli e le definizioni relativamente a quanto sopra elencato, è necessario fare riferimento al "Regolamento per la concessione della certificazione" scaricabile dalla sezione Documenti.

Possono essere candidati alla certificazione i prodotti presenti nella Lista di Prodotto GlobalGAP.

Tariffe

L’offerta economica è formulata solo a seguito della conferma circa l’ammissibilità della Domanda di certificazione GlobalG.A.P. e comprende:

  1. costi di gestione della pratica

  2. fee GlobalGAP calcolate in funzione della superficie aziendale e della tipologia di coltivazione

  3. costi della visita ispettiva

  4. costi dell’emissione del certificato

  5. eventuali costi aggiuntivi dovuti ad attività o spese inizialmente non prevedibili



Uso del marchio e del certificato

Chiunque ottenga la certificazione di prodotto è tenuto al rispetto scrupoloso del Regolamento per i Clienti sull’uso del marchio.

Reclami e ricorsi

Il Cliente richiedente la certificazione può presentare un reclamo o un ricorso secondo le specifiche indicate nel Regolamento per la concessione della certificazione e utilizzando l’apposita modulistica sotto riportata.

Modulo segnalazione ricorsi

Modulo segnalazione reclami

Segui Global GAP su Youtube